Smartphone Android con processore a 64 bit entro l'anno?

iPhone 5S è stato il primo smartphone con processore a 64-bit, presentato lo scorso anno. Ora la maggior parte dei produttori di telefoni cellulari android con sistema operativo Android guardano con attenzione questa architettura: ad oggi non hanno ancora lanciato alcun dispositivo nonostante i lavori di sviluppo da parte delle aziende di seminconduttori stiano procedendo senza interruzioni.

Più notizie

Osteroid, l'alternativa all'ingessatura che si stampa in 3D

Ricaricare wireless 40 telefonini in contemporanea: obiettivo raggiunto [VIDEO]

Smartphone Android con processore a 64 bit entro l'anno?

Seguici su Facebook 

A rivelarlo è lo stesso Tom Lantzsch, executive vice president of corporate strategy di ARM, l'azienda che più si sta impegnando in questa migrazione verso i 64-bit, sottolineando che l'adozione di questa architettura sarà completata a breve, entro il prossimo anno. Il perchè è presto detto: la domanda dei prodotti a 64-bit ARM per il mercato della telefonia mobile è in continua crescita così come i miglioramenti degli stessi prodotto.

Secondo Lantzsch, le attuali architetture a 64-bit che sono ancora in via di sviluppo offrono delle prestazioni superiori nell’esecuzione di codice a 32-bit rispetto ad un processore con la stessa architettura. Il tutto però dipende anche dal processo produttivo al quale sono sottoposti gli attuali processori, nonchè da molti alti parametri. Nel complesso si avrà ina migliore efficienza nel codice che si tradurrà in una maggiore reattività, durata della batteria e migliori caratteristiche.

Ma al di la delle prestazioni di questi processori, ci poniamo l'interrogativo relativo sulla reale utilità di questa tipologia di chipset su uno cellulari touch screen android. Una questione già affrontata in questo articolo proprio con iPhone 5S. Va specificato, infatti, che questa introduzione, piuttosto semplice da attuare in termini di produzione per i fornitori di semiconduttori, necessita di un'ottimizzazione a livello software e di un supporto specifico a livello hardware. Altrimenti finisce con il diventare una pratica ingannevole di marketing.

Ma andiamo con ordine e proviamo a chiarire ogni singolo aspetto di questa architettura. Se provate a chiedere a chiunque sappia come è costruito un computer se il formato a 64 bit sia più veloce del 32-bit, vi sarà risposto di si. Ma in realtà non è così. O almeno non esattamente. L'architettura a 64-bit non fa altro che aprire più "corsie", attraverso le quali i dati possono viaggiare. Provate a pensare ad una superstrada a tre corsie con limite di velocità di 75 km/h. Quella strada può gestire un quantitativo di automobili che può essere accelerato in due modi: aumentando il limite di velocità, oppure aggiungere più corsie.

Aumentare il limite di velocità, equivale ad aumentare la frequenza di clock di un processore. E così facendo si incrementa il passaggio di dati in uno stesso periodo di tempo. L'aggiunta di più corsie, invece, è analoga al passaggio da da 32 bit a 64 bit. Di per sè non si ha un aumento della velocità ma del throughput, cioè della capacità di trasmissione effettivamente utilizzata. Lo stesso termine viene utilizzato quando si parla di multi processori. Sono in molti, infatti, a credere che un processore Quad Core sia quattro volte più veloce di uno single core. In realtà ad essere raddoppiato o quadruplicato è il throughput.

Tornando all'esempio della superstrada, infatti, l'aggiunta di un altro core equivale ad aggiungere un altro senso di marcia. Così le auto possono salire e scendere contemporaneamente, proprio come i dati con i quali lavora un dispositivo. Nei sistemi multicore, dunque, la velocità è si superiore, ma non di molto in quanto si riduce nel momento in cui ci sono diverse milioni di informazioni da gestire.

Un hardware a 64 bit è inutilizzabile se il sistema operativo ed i software per quest'ultimo non lo sono. Viceversa, senza hardware a 64 bit, sistemi operativi e software in quella architettura sono inutili. Continuando a parlare di hardware, per sfruttare al massimo un'architettura a 64 bit è necessario un quantitativo di memoria RAM superiore ai 3 GB. I sistemi ridotti come quelli a 32 bit, infatti, non vanno oltre quella dimensione anche quando vi è un quantitativo di memoria RAM superiore installata fisicamente.

Un problema esclusivamente temporaneo per il settore degli smartphone, in continua evoluzione e giunto già ai 3 GB di memoria RAM dei più recenti top di gamma. Infine, come detto più sopra, per trarre il massimo vantaggio da un ambiente a 64 bit, sono necessari software e sistemi operativi dello stesso tipo. A questo punto sarà necessario attendere Android 4.5.


留言

发表留言

只对管理员显示

引用


引用此文章(FC2博客用户)

搜索栏
RSS链接
链接
加为博客好友

和此人成为博客好友